SOTTO L'ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

promosso da

Aris Politecnico di Milano

partner

Assoelettrica Asso Rinnovabili Feder Utility Assoelettrica

Patrocini istituzionali e collaborazioni

Commissione Europea Ministero dell'Ambiente Ministero dello Sviluppo Expo 2015 Acquirente Unico WAME
Gigawatt sponsor
Megawatt sponsor
In collaborazione con
Allea Comunicazione

Energia Spiegata

I risultati emersi dall’analisi 2013 dell’Osservatorio registrano, per la prima volta, una flessione nel numero di opere contestate, fermandosi a 336 impianti contro i 354 censiti nel 2012. In particolare, sono 108 le contestazioni rilevate per la prima volta nel 2013 contro le 151 emerse nel 2012. Questa riduzione è imputabile anche al calo reputazionale del Paese e alla revisione del sistema di incentivi, che ha reso meno conveniente per gli operatori proporre nuovi progetti di produzione di energia da fonte rinnovabile, fotovoltaico in primis.

 

Più di 1 contestatore su 2 lamenta preoccupazioni sugli effetti della qualità della vita e sull’impatto ambientale dell’opera proposta, oltre a denunciare possibili carenze nell’iter procedurale piuttosto che un coinvolgimento non sufficiente della popolazione. All’anagrafe dei contestatori, emerge che quasi la maggioranza degli oppositori viene dal mondo della politica e delle...

Scenario

Dopo anni di continua e sostanziosa crescita, i dati relativi all'andamento del fenomeno Nimby segnano un calo: le contestazioni passano da 354 a 336. Se guardiamo alle ragioni che stanno dietro a questo dato, però, ci accorgiamo che di positivo c'è ben poco. L'analisi di Alessandro Beulcke, Presidente Aris - Nimby Forum

Scenario

Per due giorni, la Cité des sciences et de l’industrie di Parigi ha accolto circa 800 tra amministratori, politici, cittadini, associazioni, esperti francesi e internazionali di processi partecipativi per ragionare intorno al Dibattito Pubblico, la pietra miliare della democrazia partecipativa europea che oggi sembra vacillare.

Scenario

L'incertezza del diritto è uno degli elementi che maggiormente frenano gli investitori quando si tratta di scegliere di realizzare infrastrutture nel nostro paese. Quali garanzie possono essere date? In che modo rivedere il nostro apparato legislativo in modo da garantire i diritti di tutti? Di Paolo Esposito, CBA Studio Legale e Tributario, e Simona Viola, GPA GiusPubblicisti Associati