SOTTO L'ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

promosso da

Aris Politecnico di Milano

partner

Assoelettrica Asso Rinnovabili Feder Utility Assoelettrica

Patrocini istituzionali e collaborazioni

Commissione Europea Ministero dell'Ambiente Ministero dello Sviluppo Expo 2015 Acquirente Unico WAME
Gigawatt sponsor
Megawatt sponsor
In collaborazione con
Allea Comunicazione

Energia Spiegata

Dieci dollari in meno a barile sia per il Brent che per il WTI: il prezzo del petrolio tocca i livelli del 2010 per il primo e del 2012 per il secondo. Per chi si era convinto che avessimo ormai raggiunto il picco del petrolio e che la stagione fossile fosse definitivamente agli sgoccioli, questo dato è certamente una sorpresa. Le cause, però, sono oggi piuttosto evidenti. 
Il calo dei consumi che tutti conosciamo si è accompagnato infatti non a una riduzione della produzione, ma a un aumento della produzione di petrolio. 

Già nel 2003 era iniziato un ciclo di forti investimenti nell'esplorazione di giacimenti petroliferi e nel 2010 il tenore degli investimenti è ulteriormente aumentato: "in 4 anni le compagnie nazionali e internazionali hanno speso circa 2.500 miliardi di dollari nel settore upstrime: un record storico assoluto", ha scritto Leonardo Maugeri in un suo recente articolo, "il risultato di questi investimenti è l'aumento della produzione, sia in termini di nuovi pozzi, sia in...

Energia

In Francia il percorso per la realizzazione del Deposito sotterraneo dei rifiuti radioattivi, progetto Cigéo, è in fase avanzata. Il Laboratorio di ricerca sotterraneo, creato per valutare concretametne e direttamente l'impatto del progetto sulla struttura geologica del territorio, è attivo e visitabile. Anche con un tour virtuale. 

Energia

Amici della Terra ha promosso nel mese di settembre la Conferenza Nazionale sul ciclo dei rifiuti: Chiudere il cerchio. Tra i molti interventi, vi proponiamo una sintesi del contributo di Davide Tabarelli: l’incapacità del nostro Paese di gestire in maniera corretta tutte le fasi del ciclo, sfruttando pienamente l'energia residua incorporata nei rifiuti stessi rappresenta uno spreco grave.

Scenario

Gasdotti, petrolio, termovalorizzatori: tra le opere che dovrebbero essere sbloccate dal decreto di fine agosto, alcuni degli impianti e delle infrastrutture più contestate. Esiste un modo per superare le opposizioni territoriali e le impasse burocratiche tra Stato e Regioni per avviare realmente una politica di ripresa senza dimenticare i diritti del territorio e delle comunità locali? L'articolo di Emilia Blanchetti, vice presidente Aris Nimby Forum.