Rinnovabili: rivoluzione o transizione graduale?

Fonti, risparmio, efficienza per l’energia
25 Marzo 2016

Che la rivoluzione dell'energia sia iniziata è un dato incontrovertibile, ma che il trend vada verso il rinnovabile a discapito delle fonti fossili non è scontato. Il rapporto Looking Ahead: the 50 trends that matters – ripreso da McKinsey in un articolo di marzo - presenta la prospettiva di uno scenario contraddittorio. Le fonti rinnavibili crescono a ritmo sostenuto, con picchi del 48% in Asia e del 43% in Africa, ma nel 2040 solo il 17% dell'elettricità mondiale proverrà da fonti rinovabili. Le fonti fossili infatti non perderanno terreno nell'immediato futuro, con carbone e gas naturale che insieme contribuiranno per più del 50%. Il petrolio, poi, non conoscerà grandi variazioni di trend. D'altra parte, un articolo del World Economic Forum dimostra che è possibile iniziare un circolo viruoso per cui più impianti rinnovabili esistono, meno si useranno carbone e gas e, in conseguenza, il prezzo delle energie rinnovabili scenderà mentre quello delle fonti fossili salirà. Ma sarà così facile rinunciare alle fonti fossili? Più che di rivoluzione rinnovabile, si tratta di un processo: sarà graduale e forse incostante, ma la transizione è già cominciata.

Condividi: